Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Interventi

Brexit, tutto è ancora possibile

Da nuove elezioni politiche a un nuovo referendum. Il rinvio al 31 ottobre lascia aperta ogni strada. Nella totale incertezza. 

di Ludovic Colin* |

Il dramma del Regno Unito continua e ogni opzione rimane possibile

Tutto è ancora possibile. La nuova estensione concordata tra l'Unione europea e il Regno Unito dà al Regno Unito il tempo sufficiente per organizzare un referendum sulla Brexit, il che aumenta la probabilità che il Parlamento britannico raggiunga un accordo. Tuttavia, dà anche tempo a Corbyn, il leader del partito laburista, per spingere per delle nuove elezioni generali, il che aumenta l'instabilità politica. D'altra parte, i conservatori non saranno felici di organizzare le elezioni europee, quindi le possibilità che Theresa May venga rimossa dall'incarico sono aumentate in seguito alla decisione di ieri.

Il Primo Ministro potrebbe essere rimosso questa settimana; Corbyn potrebbe decidere che non vuole un accordo e cercare di spingere per le elezioni. In ogni caso, la buona notizia è che il maggior rischio a breve termine nel Regno Unito non è più un problema serio. Al contrario, la minaccia maggiore per il paese è una crisi politica totale e, in una certa misura, per l'Europa.

È vero che questa nuova estensione elimina il rischio a breve termine di un Brexit duro, ma non elimina l'incertezza che questa possibilità comporta. L'impatto sulle attività finanziarie è molto difficile da prevedere perché la probabilità di scenari diversi, hard Brexit o soft Brexit, la cancellazione dell'articolo 50, un referendum, o nuove elezioni generali, non è cambiata affatto. Pertanto, la situazione attuale rimarrà tesa e difficile. Penso che cominceremo a vedere un gioco politico ancora più aggressivo a Westminster, il che peserà sugli asset della sterlina e del Regno Unito rispetto al resto del mondo. La Banca d'Inghilterra potrebbe essere spinta ad attenuare l'impatto economico, e a seguire la BCE e la Fed nel chiedere una pausa a lungo termine dei suoi tassi d'interesse che si inaspriscono o addirittura ci guidano verso un taglio. In questo caso, il Gilt farebbe meglio del mercato.

I mercati sono stanchi di qualcosa che è ormai diventato un dramma costante e del fatto che la Brexit venga ritardata da continue estensioni. Il prezzo dell'assicurazione contro uno scenario malvagio è crollato, il che significa che il mercato non sente il bisogno di proteggersi da una tempesta di mercato. Penso che gli investitori siano stati molto preoccupati per la probabilità di una Brexit senza accordo, e ora che questa soluzione è stata eliminata a breve termine e i mercati vogliono respirare e concentrarsi altrove. Il fatto che il rischio di un cambiamento di potere e di una possibile elezione di Corbyn del partito laburista è totalmente sottovalutato dai mercati finanziari. Mi aspetto che queste preoccupazioni emergano nei prossimi giorni.

*Head of Flexible Bonds di Vontobel Asset Management