Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Salvini è il male

Durissima requisitoria contro il ministro dell'Interno di Carola: un dittatore senza umanità.

di Giuseppe Turani |

I debiti di gratitudine che questo paese sta accumulando nei confronti di Carola Rackete salgono ogni giorno. Ha cominciato alla fine di giugno, una notte, verso le due, quando ha deciso di forzare lo stupido blocco di Salvini e di far sbarcare i quaranta migranti che da due settimane portava in giro per i mari. A bordo, oltre agli “ospiti” aveva anche cinque deputati del Pd (almeno questo…). Ma non ha fatto un dibattito: ha acceso i motori e è partita. “La responsabilità è solo mia”.

Cinque minuti dopo aver fatto sbarcare gli ospiti si è consegnata alla polizia e è stata arrestata. Non ha battuto ciglio e non ha detto niente. È andata agli arresti domiciliari in silenzio. Dal molo, applausi, ma anche insulti da una piccola banda leghista guidata da un’assatanata. Unico commento di Carola, qualche giorno dopo: “Rifarei tutto”.

Poi, il Gip ha riconosciuto che lei aveva ragione, che Carola aveva fatto semplicemente quello che doveva essere fatto. Urla scomposte della stampa di destra, ma la sentenza della Gip di Agrigento è semplicemente inappuntabile: prima di ogni cosa si salvano i naufraghi, e questo Carola ha fatto, poi si discute Cadono gli arresti e Carola viene liberata.

Pochi giorni dopo il capitano Tommy (Tommaso Stella), uno dei velisti più famosi al mondo, compagno di regate di Soldini, ripete l’impresa con la nave Alex.

E questa è la storia di ieri. Carola promette una querela a Salvini. I suoi avvocati si prendono una settimana per scriverla. Ne trovate il testo su qualunque giornale.

Che dire? Vorrei che quel testo fosse stato scritto dal Pd, dall’opposizione.

Salvini è passato al setaccio e svelato per quello che è: un fomentatore di odio e di tensioni, uno che fa il contrario di quello che il suo ruolo dovrebbe imporgli.

Da questa querela-requisitoria esce il ritratto di un moderno dittatore o aspirante tale.

Mi viene solo in mente il Saint Just di Zardi: il re va abbattuto non perché ha fatto questo o quello, ma perché è il re.

Salvini va abbattuto perché è Salvini.

Grazie Carola.