Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Portate via Barbara Lezzi

Propone un'economia italiana basata non sull'acciaio, ma sulle cozze. Non esistono cure.

di Giuseppe Turani |

Italia in ripresa? Lo affermano fonti internazionali e il ministro Gualtieri conferma: l’anno prossimo dovremmo passare da una crescita zero a una di 0,6 per cento. In realtà. si tratta di niente. Di lievi spostamenti sul fondo della congiuntura. Questa microscopica crescita non procurerà nemmeno un posto di lavoro in più e lascerà i nostri problemi finanziari esattamente come sono oggi.

Per avere un senso, e incidere sulla realtà, una crescita deve essere almeno del 2-3 per cento. Con valori dello 0,6 per cento non cambia niente. Qualunque azienda gestita appena decentemente davanti a una crescita così modesta fa fronte in un modo molto semplice: usa il personale che ha già, semmai chiederà qualche ora di straordinaro in più, che sarà lieta di pagare.

Purtroppo, sono anni che qui non si vede una crescita del 2-3 per cento. E non dipende dalla congiuntura internazionale, ma dalle nostre scelte e dai nostri comportamenti. Pasticci come quello di Arcelor Mittal trasmettono un messaggio chiarissimo ai mercati internazionali: potete anche portare qui le vostre aziende, ma poi fate quello che vogliamo noi. Anzi, quello che vuole la signora Lezzi.

Ma, non contenti, si aggiungono anche le minacce. Forse nessuno ha infornato i politici pugliesi che il signor Mittal è l’uomo più ricco del Regno Unito: non credo proprio che tremi di fronte alle sfuriate di Emiliano.

Manca lo stile. Anni fa, durante un ricevimento, noto un signore attivissimo nel distribuire biglietti da visita. Mi avvicino e scopro di che cosa si tratta: era l’inviato di uno Stato americano del Sud (credo Alabama) che cercava potenziale investitori.

Quando la Mercedes aprì il suo stabilimento in Alabama, preoccupata per la possibile integrazione fra i suoi ingegneri (tedeschi purissimi, tutti biondi) e gli abitanti (tutti neri) organizzò una grande festa popolare, con balli e canti. Operazione riuscita.

Noi, invece, affidiamo il trattamento degli investitori stranieri e gente che li prende a pesci in faccia. E che ogni cinque minuti minaccia di trascinare tutti in tribunale, lasciando intendere che subito dopo c’è la galera.

A Bari le autorità locali dovrebbero invece organizzare un ricevimento per gli uomini della Mittal e cercare il dialogo. Nel mondo civile si usa così, ovunque.

(Da QN del 18 novembre 2019)