Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Due AveMaria e un brodino

Il governo è morto, ma si fa finta che sia vivo.

di Giuseppe Turani |

Se venisse portato in un qualunque pronto soccorso, l’attuale governo verrebbe dichiarato morto subito e avviato a dignitosa sepoltura. Da mesi non si hanno notizie di sue imprese. Forse è morto già a Natale. Comunque, non respira più e non dà segni di vita. Sta in piedi perché Conte ha questa abilità, che è di pochi, di parlare per ore senza dire niente. 
Il paese sta scivolando in una recessione che potrebbe durare anche dieci anni (o per sempre), ma lui passa da un discorso all’altro con grande disinvoltura. In Europa siamo gli ultimi. Ma l’unico che protesta, e quindi viene redarguito, è il solito Matteo Renzi. Intendiamoci, Renzi non è un santo e non è nemmeno Cavour, però legge i giornali e persino qualche statistica e quindi ha capito che siamo nei guai. E lo dice.
Aggiunge che Conte va cacciato, rispedito a fare l’avvocato. In realtà bisognerebbe cacciare almeno mezzo governo, forse tre quarti). 
In realtà, come cerco di spiegare da mesi, siamo in emergenza. Il paese è arrivato al suo capolinea: più di tanto (crescita zero) non può dare, a meno che non si facciano riforme molto pesanti e molto rapide. Ma i grillini, che bene o male conducono ancora il gioco, hanno in testa solo un codice penale più terribile di quello attuale: non gli entra in testa che il codice penale non è merce esportabile. Si esportano scarpe, automobili, macchine movimento terra, non codici penali. Ma poiché la loro cretinaggine è quasi illimitata, la cosa non gli entra in testa. D’altra parte, mentre tutti vorremmo crescere e stare meglio, loro vogliono decrescere e stare peggio. Potrebbero cominciare a girare scalzi.
Il Pd dovrebbe, e potrebbe, fare a pezzi questa banda di monaci medioevali guidati dal miliardario Grillo. Invece si muove con la cautela di un abate all’ora del rancio: tre pater noster due ave maria, poi un brodino e un pezzo di pane raffermo.
E indica come pazzo Matteo Renzi perché invece di cantare le lodi al signore sta urlando che il convento brucia e che in dispensa non c’è più niente.
Ma la dispensa è davvero vuota.