Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Primo Piano

Debiti come pietre

La pandemia costa, ma non possiamo fare solo debiti, pensando di non pagarli mai.

di Giuseppe Turani |

Della politica italiana forse sarebbe meglio non parlare nemmeno. Siamo ormai sotto il livello zero. In realtà, l’insieme è una specie di carriola lanciata verso il modello Argentina. Il Pd doveva essere la barriera contro populismo e sovranismo. L’ultima barriera.

Invece si scopre che ormai il populismo ha conquistato anche questo partito.

Quando si legge che il presidente del parlamento europeo (Pd) propone di uscire dalla difficile situazione nella quale siamo finiti semplicemente cancellando i debiti Covid con un tratto di penna, e non si accenna minimamente a sacrifici futuri capisce che siamo perduti.

Questi debiti sono verso soggetti (istituzioni e privati), che comunque vanno ripagati. E allora si suggerisce una ricetta vecchia quasi come il mondo: stampare moneta. Costa poco: una macchina tipografica, carta e inchiostro. Naturalmente, si tratta di pura idiozia populista.

Ho già spiegato tempo fa che, se fosse così facile, non esisterebbe un solo paese al mondo in recessione: carta e inchiostro sono cose facili da procurare, e costano anche poco. Potremmo essere tutti miliardari.

Questa strada in sostanza non porta verso alcuna ripresa sensata, ma solo  verso un aumento dell’inflazione, Argentina appunto.

L’unica salvaguardia è che non abbiamo più una moneta. E infatti i sostenitori di queste stupidaggini insistono perché si esca dall’euro e si torni a una piena sovranità monetaria, cioè alla lira, per potere poi giocare a nostro piacere.

Di fronte a questi sogni deviati e irresponsabili conviene tornare con i piedi per terra. Questa pandemia ci sta costando una montagna di denaro. Ci vorranno anni per pagare i debiti extra che si stanno facendo (15-20 miliardi al mese). Il che significa che per almeno un decennio il nostro benessere si dovrà abbassare.

E non esistono alchimie. Un vecchio saggio disse una volta: i crediti sino sempre incerti, i debiti sono scolpiti nella pietra.