Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

La saga degli stramboidi

La Lombardia si fa rappresentare da cretini, anche se è piena di gente intelligente.

di Giuseppe Turani |

Matteo Salvini è l’unico uomo al mondo (insieme a Trump, di cui però non porta più il berrettino) a non aver ancora riconosciuto la vittoria di Biden, aspetta i risultati definitivi.

Sarebbe curioso leggere la scheda che i servizi segreti hanno preparato per Biden per spiegargli chi è Salvini. Proviamo.

“Piccolo teppista di periferia, diventato inaspettatamente un capo politico. Abitualmente sgrana rosari, mangia in pubblico e invoca la Madonna, che però lo ignora. Fino a ieri indossava sempre felpe fantasiose (dei pompieri, dei vigili, degli accalappiacani e così via). Adesso aspira chiaramente a palazzo Chigi, quindi cambio di look: grisaglie, occhialini da intellettuale, ma solite scemenze. Nessuno, nemmeno la Madonna, conosce il suo programma perché non esiste, non è mai stato scritto. Insomma, uno scadente attore con il pallino della politica. Ignorare”.

Questo strano personaggio, un vero e proprio stramboide, una macchietta, è oggi il leader con i maggiori consensi nei sondaggi. Insieme alla sorella d’Italia, Giorgia Meloni (altro vuoto a perdere) e frattaglie varie, va oltre il 50 per cento.

Ci si domanda, allora, che cosa abbiano in testa gli italiani. Una spiegazione convincente non è ancora stata fornita. Probabilmente sono delusi perché l’aumento del benessere si è arrestato. Anzi, va indietro: i figli saranno più poveri dei padri, i nonni meravigliosi perché godono ancora di buone pensioni, con le quali pagano gli sfaticati nipoti stesi sui divani di casa. Così come topi confusi, corrono da tutte le parti, senza combinare nulla. Di solito, scelgono le leadership peggiori. L’orgogliosa Lombardia, esempio, non riesce a rifornirsi di oggetti semplicissimi come le mascherine anti Covid, per non parlare degli altri più sofisticati presidi medici.

E’ una situazione paradossale. In Lombardia ci sono i più attrezzati centri di ricerca, i migliori medici, la più alta concentrazione di intelligenze, ma alla fine il potere è nelle mani di un paio di balordi, incapaci persino di cuocere un piatto di spaghetti. I lombardi hanno inventato le marcite, i canali navigabili, e tutto il resto. Hanno ospitato e riverito Leonardo da Vinci. Ma per farsi rappresentare hanno scelto dei beoti.

Sembra quasi un desiderio di morte.