Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Primo Piano

Il lungo sonno del Pd

Il partito di Zingaretti ha oggi tutte le carte per vincere, ma preferisce polemizzare con Renzi, perdere tempo.

di Giuseppe Turani |

Se questo governo fosse fatto da gente con un minimo di dignità, ci sarebbe la fila a dare le dimissioni. Il presidente è un poveretto messo lì perché era andato a scuola, aveva un cattedra universitaria e era sicuro che sapesse leggere e scrivere. Il resto della compagnia è fatto da una serie di seconde file, gente che sembra presa direttamente dalla strada, come nei film del neorealismo.

Se c’è un governo che non dovrebbe esserci, si tratta di questo. Invece resiste. Abbiamo avuto un Conte 1 e un Conte 2. Non si può escludere un Conte 3.

La colpa (ma sì, usiamo questa espressione) è del Pd. Ha in mano una sorta di arma fine-del-mondo, ma non la usa. Forse nemmeno se ne è accorto.

Se provocasse la crisi e se si andasse a elezioni, dei 300 deputati grillini ne verrebbero rieletti meno di 100. Gli altri 200 dovrebbero tornare sul divano di mamma in attesa dei classici spaghetti e dei 100 euro per portare la morosa al cinema. I rimanenti  non conterebbero più niente. Anime inutili vaganti per i corridoi,  i divani di Montecitorio, e le trattorie circostanti. E il paese potrebbe riprendere a respirare. Forse persino a progettare un futuro.

Perché il Pd non faccia questa mossa è un mistero. Classe dirigente assonnata? Inadeguata? Spaventata dalla propria stessa ombra? Terrorizzata dall’idea di fare politica? Amore per il quieto vivere?

Forse tutte queste cose. E’ triste constatare tutto ciò. Mai come oggi, e del tutto imprevedibilmente, il Pd ha avuto dalla sorte le carte vincenti: gli basterebbe andare in Parlamento e licenziare Conte.

Ma non si muove. Preferisce litigare al suo interno e con Renzi, in una specie di suicidio rituale e scontato. Fatica sprecata: il senatore di Rignano è un po’ il Felice Cavallotti, dell’800, affondabile. Anche da solo può rompere le scatole per cento, e cambiare un po’ la storia. Ma nel Pd (il cielo acceca quelli che vuole perdere) sono convinti che il problema sia Renzi, che ha il solo difetto di saper fare politica mentre loro sono ancora alle aste e al dettato.