Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Primo Piano

Salvini, un cacciaballe

Non esiste alcuna possibilità di invasione dal Nord Africa. E' una bufala colossale.

di Giuseppe Turani |

A che cosa serve Salvini? A niente. La sua attività, fino a oggi, è consistita nel diffondere zizzania e nel combattere i mulini a vento. Due attività inutili e dannose, che poteva lasciare a qualche impiegato di terzo livello.

1- La zizzania. Se oggi in Italia c’è un clima di tensione e di sospetti, lo si deve per intero a Salvini che quotidianamente (anzi: più volte al giorno) attraverso malefiche dirette FB semina discordia. Nonostante tutto, in questo paese più di venti milioni di brave persone tutte le mattine si alzano e vanno a lavorare, nessuno si arma come a Tombstone per paura dei negher. Siamo un popolo pacifico. Ma Salvini martella: devo difendere la nostra identità, la patria, i sacri confini. E, pur senza dirlo, invita tutti a avere finalmente paura. Senza di lui, la nostra vita sarebbe assai più pacifica e serena.

2- I mulini a vento. Continua a dire che lui è lì per fermare una possibile invasione. Di questa immaginaria invasione non esiste però alcuna traccia. In Libia non stanno approntando decine di navi e traghetti carichi di migranti. E per la semplice ragione che quelle navi non esistono, nemmeno esplorando tutto il Nord Africa. L’ultima invasione-sbarco che si ricordi in Europa è quella realizzata in Normandia durante la Seconda guerra mondiale. E sono stati necessari tutti i natanti esistenti nel Regno Unito (pescherecci compresi) e una preparazione di almeno un paio d’anni, con servizi segreti, ufficiali, stati maggiori. Eisenhower, che comandò quell’operazione, ebbe poi dal Congresso americano (con una legge speciale) la quinta stella da generale (caso unico al mondo). E poi fu eletto presidente degli Stati Uniti.

Solo Salvini blatera di invasione, ma la realtà è che non sa nemmeno di che cosa parla. Nella sua determinazione a spaventare gli italiani, per farli correre sotto le sue ali protettive, mette in giro favole: se in Libia decidono, una mattina caricano le navi e qui arrivano milioni di migranti. Peccato che quelle navi non esistano e che il Nord Africa non possa nemmeno costruirle: mancano legno e acciaio. I milioni di migranti potrebbero venire qui solo a nuoto, una performance da primato mondiale, da medaglia d’oro.

Salvini, detto in breve, è il più colossale cacciaballe dell’epoca contemporanea. E sta raccogliendo un sacco di voti dalla parte peggiore della società italiana. Lui è certamente un cretino in malafede, ma i suoi elettori sono peggio. Non sono alfieri nella difesa della civiltà occidentale. Sono soltanto stupidi che credono a qualunque fandonia.

Se glielo si dice, si offendono a morte? Bene, sarebbe ora.