Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Primo Piano

Il fiasco di Chianti di Enrico Fermi

Nel 1942 lo scienziato italiano e i suoi colleghi festeggiarono con un buon vino la prima reazione nucleare. Oggi, invece, non c'è alcuna festa in vista.

di Giuseppe Turani |

Vecchie e nuove storie. Quando il 1° dicembre del 1942 Enrico Fermi tenta di fare la prima reazione nucleare al mondo, sotto le tribune di uno stadio abbandonato di Chicago, i suoi colleghi stanno in cerchio sugli spalti con in mano dei secchi pieni di bario: sono pronti a rovesciarli su Fermi se accadrà qualcosa di terribile, per fermare la reazione. Ma l’esperimento riesce e i secchi non serviranno. Si festeggiò con un fiasco di Chianti, firmato dai presenti e conservato da uno di loro. Poi, tutti a Alamogordo nel New Mexico a costruire la prima bomba atomica, che metterà fine alla seconda guerra mondiale e di cui Fermi non vorrà mai più parlare, pur avendola costruita.

(Fa piacere sapere che in quello stesso Fermilab, così è stato battezzato, oggi lavora dirigendo un team di ricerca una giovane scienziata siciliana, Anna Grassellino).

Purtroppo, non esistono secchi di bario per il debito pubblico italiano. Secondo alcuni esperti, oggi si sta viaggiando al ritmo di 100 miliardi di disavanzo all’anno. Poiché siamo già oltre i 2500 miliardi di debito, rapidamente si arriverà ai tre mila. Vivere con tre mila miliardi di debito sulle spalle è come fare la corsetta mattutina con 100 chili di zaino sulle spalle.

Ma nessuno se ne preoccupa. Anzi, tutti ci invitano a spendere, per rendere meno aspra la vita degli italiani, massacrati dal covid 19.

Ma verrà un giorno in cui si tornerà guardare ai dati di bilancio e in cui ci verrà chiesto di cominciare a rientrare. L’aspetto sconvolgente della vicenda è che oggi nessuno sembra pensare a questo, cioè alla necessità di smetterla di vivere di debiti, in sostanza con i soldi degli altri.

Ma quello che dovrà accadere è purtroppo facilmente prevedibile. Due le possibilità:

1- una decina d’anni di austerità, di cinghia tirata, paghe ferme e tasse sostanziose.

2- oppure: una robusta patrimoniale, tale da mandarci in recessione per una decina d’anni.

Comunque, la si voglia mettere, questa vicenda del covid 19 avrà un costo. E anche molto alto.

E noi lo affronteremo con il più scadente governo dell’intera storia repubblicana.

(Nelle foto: il famoso fiasco di Chianti con cui Fermi e i suoi amici festeggiarono la prima reazione nucleare, il team di Fermi)