Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Villaggio Globale

Robot in mostra

115 automi accolgono il visitatore a "Io, Robotto - Automi da compagnia", a Milano fino al 19 gennaio. Con una guida d'eccezione: Alexa di Amazon.

di Redazione |

A Milano, fino al 19 gennaio, sarà possibile visitare "Io, Robotto - Automi da compagnia", una mostra molto particolare che racconta la storia e l’evoluzione della robotica di intrattenimento con 115 automi presenti in 17 diverse aree tematiche. L’esposizione è curata dal giornalista Massimo Triulzi, esperto di tecnologia e appassionato di robotica, e coprodotta dal Comune di Milano.

Ospitata negli spazi di Sala Cisterne presso Fabbrica del Vapore a Milano (in via G.C. Procaccini 4), “Io, Robotto” è la prima mostra al mondo guidata da un’Intelligenza Artificiale. Alexa, l’assistente virtuale di Amazon (che proprio in questi giorni festeggia il suo primo compleanno in Italia), è infatti programmata per conoscere ogni contenuto della mostra al fine di accompagnare il visitatore lungo tutto il percorso espositivo e rispondere alle curiosità degli utenti.

Venerdì 29 novembre alle ore 20.00, presso la mostra verrà proiettato Hi, A.I. Love stories from the Future, un racconto romantico, malinconico, visionario, che risponde a una sola domanda: come l’intelligenza artificiale cambierà per sempre le nostre vite? Il documentario tedesco della regista Isa Willinger vincitore come Miglior Documentario al Max Ophüls Preis Festival 2019, indaga come potrebbe essere il mondo del futuro, dove uomini e macchine si troveranno a intrecciare legami sempre più forti portando a un radicale cambiamento della società.

Hi, A.I. Love stories from the Future sarà accompagnato da una mini rassegna dedicata al futuro robotico e a come il cinema interpreta il rapporto uomo-macchina in programmazione al MIC – Museo Interattivo del Cinema dal 12 al 23 novembre.

Venerdì 15 alle ore 15 verrà proiettato Ti fidi di questo computer? di Chris Paine, un documentario che esplora come l’Intelligenza Artificiale stia iniziando a modificare il nostro rapporto con il computer.

Sabato 16 novembre alle ore 17 andrà in scena Genesis 2.0 di Christian Frei e Maxim Arbugaev, un’interessante riflessione sulle nuove frontiere della bio ingegneria e sulla possibilità di poter riportare in vita animali estinti da millenni duplicandone il DNA.

Domenica 17 novembre alle ore 19.30 verrà riproposto Metropolis, il capolavoro di Fritz Lang, nella versione restaurata in pellicola 35mm. La partitura originale per orchestra, composta per il film da Gottfried Huppertz, sarà reinterpretata con l’accompagnamento di due pianoforti: Francesca e Federica Badalini eseguiranno le musiche dal vivo.

All’interno della rassegna, mercoledì 20 novembre alle ore 18, anche un incontro su I robot e il sesso a cura del Prof. Maurizio Balistreri, docente di Filosofia Morale all’Università degli Studi di Torino, durante il quale ci si interrogherà su spinose domande sul rapporto tra esseri umani e robot: si può avere una relazione con un robot? Nel rapportarci sempre di più con queste macchine perderemo la nostra umanità?