Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Villaggio Globale

Ancora record per Amazon

In attesa dei conti del secondo trimestre, il titolo vola per la prima volta sopra i 3000 dollari. 

di REDAZIONE |

Mentre l’economia mondiale sprofonda sotto il peso della pandemia, c’è un titolo azionario che veleggia tranquillamente verso nuovi massimi storici a Wall Street: Amazon. Il colosso delle vendite online - settore considerato il best performer del 2020 - ha sfondato per la prima volta nella sua storia la barriera dei 3.000 dollari per azione grazie a un guadagno, ieri, di quasi il 6 per cento che oggi si arricchisce di un ulteriore progresso di oltre l’1 per cento che porta il titolo a 3.116 dollari.   

Da inizio anno le azioni Amazon hanno guadagnato quasi il 70 per cento, circa il triplo del progresso messo a segno da inizio gennaio dal Nasdaq. L’indice americano dei titoli tecnologi ha appena ritoccato verso l’alto il nuovo record storico toccando quota 10.562 punti, sulla scia del buon andamento del settore hi-tech, uno dei pochi ad essere rimasto immune all’emergenza tecnologica. Anzi. Il distanziamento sociale ha favorito l’impennata di strumenti e servizi tecnologici con un impatto positivo sui conti del settore.

Amazon è di certo una delle società che più ha tratto vantaggio. Durante il lockdown moltissime famiglie hanno ripiegato sui servizi di e-commerce offerti dal gruppo di Jeff Bezos, approfittando della consegna a domiciolio anche per i beni di prima necessità che nell’era pre-Covid avrebbero comparato in negozi fisici: dai generi alimentari al gel disinfettante agli articoli per il giardino. Molti utenti si sono così, per necessità, avvicinati per la prima volta a questo canale di acquisto mentre chi aveva già esperienza di acquisti online, ha ampliato la gamma di prodotti da ordinare sul web. In entrambi i casi, per il gruppo si tratta di nuovi ordini destinati a trasformarsi in un aumento di business sulla sua piattaforma.

Non solo vendite online. Anche la piattaforma in streaming di Amazon ha avuto un forte impulso durante i mesi di distanziamento sociale. Bisognerà aspettare il 23 luglio, data in cui il gruppo di Seattle renderà noti i conti del secondo trimestre, per avere un’idea precisa dell’impatto. Gli analisti si aspettano comunque un forte aumento per i sottoscrittori dell’abbonamento Prime e quindi di coloro che hanno usufruito dei servizi di Prime Video.  

Non solo vendite online. Anche la piattaforma in streaming di Amazon ha avuto un forte impulso durante i mesi di distanziamento sociale. Bisognerà aspettare il 23 luglio, data in cui il gruppo di Seattle renderà noti i conti del secondo trimestre, per avere un’idea dell’impatto. Gli analisti si aspettano comunque un forte aumento per i sottoscrittori dell’abbonamento prime e quindi per l’accesso ai servizi di Prime video.  

Per tutti questi motivi, gli analisti guardano con interessi agli sviluppi della società, che ha reso il suo fondatore, Jeff Bezos, l’uomo più ricco al mondo e che potrebbe trasformare Amazon nella prima azienda americana a superare a Wall Street i 2000 miliardi di dollari di capitalizzazione, contendendo il primato a Apple e Microsoft: tutte e tre le società hanno un valore di borsa al di sopra dei 1500 miliardi di dollari.