Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Moda e Design

Uniqlo apre a Milano il 13 settembre

Fissata la data per l'atteso sbarco in Italia del brand giapponese. Rilancio fallito, invece, per Abercrombie, che chiude lo store milanese.

di Redazione |

UNIQLO arriva in Italia il 13 settembre con l’apertura del suo primo negozio a Milano. Dopo le indiscrezioni e le conferme, arriva una certezza e una data, comunicata ufficialmente dal brand giapponese di abbigliamento famoso in tutto il mondo.

Come si sapeva da tempo, il nuovo punto vendita, che segna lo sbarco dell’insegna nipponica sul mercato italiano, sarà situato in piazza Cordusio, in pieno centro e a pochi passi da piazza Duomo, dove da poco è sbarcato anche un altro importante brand internazionale, l’americana Starbucks. Il negozio si svilupperà su tre piani, per un totale di 1.500 metri quadrati, e offrirà le collezioni uomo, donna e bambino.  

«Siamo onorati e fieri di aprire il nostro primo store italiano a Milano. Abbiamo da sempre una grande e sincera stima degli italiani e della loro eredità culturale. Ci sono molte similitudini tra l’Italia e il Giappone: dall’importanza della bellezza e della qualità della vita all’apprezzare istintivamente il design e l’innovazione. Ci auguriamo che la filosofia LifeWear e i nostri prodotti vengano accolti con calore dalla raffinata popolazione milanese, così come dai molti turisti, italiani e non, che visitano Milano durante tutto l’anno» ha dichiarato Kohsuke Kobayashi, Chief Operation officer di UNIQLO Italia.

Il gruppo creato da Tadashi Yanai (presidente e CEO di Fast Retailing, la holding che controlla UNIQLO) espande così la sua presenza in Europa, dove è già presente in altre 9 nazioni e rafforza l'obiettivo, più volte dichiarato, di diventare il gruppo di fast fashion più grande al mondo. Il LifeWear è la filosofia - unica nel suo genere - che guida il brand, specializzato nel produrre capi basici che uniscono un design eccellente e ragionato, abbinato alle tecniche di produzione più innovative. Il risultato sono prodotti d’abbigliamento economici ma di alta qualità, per soddisfare i bisogni quotidiani e adattarsi al lifestyle di ognuno.

Mentre Uniqlo sbarca in Italia, l'americana Abercrombie si appresta a chiudere i battenti del suo negozio milanese, a metà 2020. Il rilancio e il riposizionamento del brand Usa non ha portato i risultati sperati convincendo il management a sacrificare alcune vetrine, tra cui l'unica presente in Italia, inaugurata nel 2009. Le lunghe file di giovanissimi per entrare in quello che un tempo fu il tempio milanese dello shopping sono sempre più un lontano ricordo.