Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Moda e Design

La moda corre online

Oltre la metà degli eShopper italiani acquista abbigliamento sul web. E uno su quattro vorrebbe riceverli a casa anche il sabato e la domenica.

di Redazione |

C’è ancora un ampio spazio di crescita per l’acquisto online di prodotti di moda nel nostro paese. Secondo l’ultima ricerca netRetail di Netcomm in collaborazione con Kantar, in Italia la quota passerà dal 6 per cento nel 2018 al 9 per cento nel 2023. Valori comunque molto modesti in confronto, per esempio, al mercato cinese, dove si passerà dal 52 per cento nel 2018 al 65 per cento nel 2023.

La moda sta diventando un settore sempre più trainante per l’eCommerce. Nell’ultimo anno oltre la metà degli eShopper italiani, ben il 54 per cento per l’esattezza, ha acquisto abbigliamento online, superando coloro che comprano elettronica di consumo (51 per cento), prodotti di bellezza e cosmetica (44 per cento) e mobili e oggetti di arredo e design (16 per cento).

Il canale digitale diventa dunque di importanza fondamentale per le aziende del settore fashion, anche se poi, sempre secondo la ricerca di netRetail, oltre la metà dei consumatori online italiani realizza gli acquisti di abbigliamento prevalentemente sui marketplace, di cui apprezzano l’efficace mix tra prezzi vantaggiosi, migliori promozioni e varietà di scelta dei prodotti, che sono i principali driver di acquisto rispettivamente per il 51, 43 e 29 per cento degli eShopper italiani.

Il trend è saldamente positivo, tuttavia per il futuro i consumatori italiani vorrebbero un servizio migliore. Dalla ricerca netRetail emerge, infatti, che oltre la metà (il 53 per cento) dei giovani italiani di età compresa tra i 16 e i 24 anni desidera ricevere pacchi già pronti per essere restituiti in caso il prodotto non soddisfi. Il 25 per cento vorrebbe poter cambiare orario e data di consegna, scegliere giorno e orario esatti e ricevere i propri ordini a casa sabato e domenica. Infine, il 39 per cento vorrebbe poter scegliere opzioni di consegna a ridotto impatto ambientale.

Non solo in Italia: l’acquisto di abbigliamento online è un trend in crescita in tutto il mondo. Nel 2019 più di un terzo (33 per cento) della popolazione mondiale (oltre 2,452 miliardi di persone) acquisterà abbigliamento online, l’11 per cento in più rispetto allo scorso anno. Entro il 2023 saranno 3,363 miliardi, ossia il 44 per cento della popolazione mondiale, i consumatori che sceglieranno di acquistare capi di abbigliamento online, il 37 per cento in più rispetto al 2019.

L’incremento degli eShopper porterà a un aumento del fatturato online del fashion a livello globale. Le stime indicano un incremento dai 346 miliardi di dollari del 2019 (+13 per cento rispetto al 2018) ai 509 miliardi di dollari del 2023 (+47 per cento rispetto al 2019).

Alcuni mercati correranno più di altri, in particolare quello del fashion cinese online che già oggi vale più del doppio di quello europeo e statunitense: in Cina si registrerà una crescita annua del 12 per cento nei prossimi 4 anni (da 247 miliardi di dollari nel 2018 a 431 miliardi nel 2023), contro la crescita del 7,5 per cento in (da 102 miliardi di dollari nel 2018 a 147 miliardi nel 2023) e dell’8 per cento negli Stati Uniti (da 103 miliardi di dollari nel 2018 a 146 miliardi nel 2023).