Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Moda e Design

Un nuovo padrone per gli angeli di Victoria's Secret

L Brands cede il controllo alla società di private equity Sycamore per 525 milioni di dollari. 

di Redazione |

Gli angeli di Victoria's Secret hanno un nuovo proprietario. La maggioranza del gruppo di lingerie passa alla società di private equity Sycamore Partners. L Brands ha infatti annunciato che intende cedere il 55 per cento del capitale restando però nella compagine azionaria con il restante 45 per cento del capitale.

La transazione prevede l’esborso per Sycamore di una cifra di 525 milioni di dollari, pari a una valutazione di Victoria's Secret di 1,1 miliardi di dollari (circa 1 miliardo di euro).

Una cifra giudicata troppo bassa dal mercato. Victoria's Secret è infatti la partecipazione più importante di L Brands, che in borsa ha una capitalizzazione di 6,7 miliardi. All’annuncio della cessione di Victoria Secret, le azioni di L Brands hanno pertanto registrato un tonfo del 10 per cento nel pre-borsa.   

L Brands utilizzerà i fondi derivanti dalla transazione per ridurre il suo debito (pari a 5,5 miliardi di dollari) mentre il suo fondatore, l’ottantaduenne Les Wexner, è pronto a fare un passo indietro.

Invischiato nello scandalo sessuale che vede protagonista Jeffrey Epstein, e accusato di aver mal gestito gli affari e portato al declino il brand di lingerie più famoso al mondo, Wexner ha già annunciato le dimissioni dalle cariche operative non appena la cessione di Victoria’s Secret sarà portata a termine.

L Brands è pronta a promuovere Andrew Meslow, attuale direttore finanziario, come CEO concentrando gli affari sul brand Bath and Body Works che vende prodotti di personal care. Toccherà invece a Sycamore rivitalizzare le vendite un po' arrigginite di Victoria's Secret e a riposizionare il brand che dal 2020 ha dato anche l'addio al suo storico show (già in calo di ascolti) quasi a voler tagliare i ponti con un passato troppo legato a un'immagine di donna sexy e stereotipata che attrae sempre meno consensi.