Uomini&Business - Direttore Giuseppe Turani

Pubblicità

Il potere economico

Pil meglio delle attese

Nel terzo trimestre l'economia italiana è cresciuta dello 0,1 per cento sul trimeste precedente. Per il 2019 la crescita acquisita è +0,2 per cento. 

di Redazione |

L'economia italiana è cresciuta più del previsto nei mesi estivi. In base alla stima preliminare diffusa oggi dall'Istat, nel terzo trimestre del  il prodotto interno lordo, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato dello 0,1 per cento rispetto al trimestre precedente e dello 0,3 per cento in termini tendenziali.

Il terzo trimestre del 2019 ha avuto due giornate lavorative in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al terzo trimestre del 2018.

La variazione congiunturale - spiega l'Istat - è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell’agricoltura, silvicoltura e pesca e di lievi aumenti sia in quello dell’industria, sia in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto negativo della componente estera netta.

La variazione acquisita per il 2019 è pari ad una crescita del +0,2 per cento.

Il mercato si aspettava un Pil fermo o in lieve flessione nel terzo trimestre, soprattutto a causa dei contraccolpi sul fronte dell'export.