L’indice Vix fa capire la volatilità, vediamo come usarlo

L’indice di volatilità del Chicago Board Options Exchange, o “VIX” come è meglio conosciuto, è una misura della volatilità attesa del mercato azionario statunitense.
Il VIX si basa sui prezzi delle opzioni dell’indice S&P 500 ed è calcolato combinando i prezzi ponderati delle opzioni put e call dell’indice per i 30 giorni successivi.

Il VIX è concepito per riflettere l’opinione degli investitori sulla futura volatilità del mercato azionario statunitense – in altre parole, quanto gli investitori pensano che l’indice S&P 500 fluttuerà nei prossimi 30 giorni.
Spesso definito come “indicatore di paura” del mercato, il VIX viene utilizzato dagli investitori per misurare il rischio, la paura e lo stress del mercato prima di prendere decisioni di investimento.

Il VIX è correlato negativamente alla performance del mercato azionario, in altre parole, l’indice sale nei periodi di turbolenza.

Cosa misura il VIX?

Il VIX è orientato al futuro e cerca di prevedere la variabilità dei futuri movimenti di mercato, ed è l’opposto della volatilità “reale”, che misura la variabilità dei prezzi che già conosciamo.
Il fatto che il VIX rappresenti la volatilità storica è importante, poiché si basa su quanto gli investitori sono disposti a pagare per il diritto di acquistare o vendere un’azione (opzioni call o put).

Il premio di un’opzione può essere utilizzato per rappresentare il livello di rischio percepito dal mercato: maggiore è il rischio percepito dal mercato, più gli investitori sono disposti a pagare per una “assicurazione” sotto forma di opzioni.
Quando gli investitori prevedono forti rialzi o ribassi dei prezzi delle azioni, spesso cercano di ridurre il rischio utilizzando le opzioni per “coprire” le loro posizioni. La copertura è una forma di assicurazione che prevede che l’investitore assuma una posizione opposta a quella che detiene in un’azione, acquistando un’opzione.

Pertanto, un aumento generale dei prezzi delle opzioni – che indica una maggiore incertezza del mercato e una maggiore volatilità attesa – farà salire il VIX, segnalando agli investitori che la volatilità del mercato è destinata ad aumentare.

Cosa possiamo capire dal VIX?

Quando si verifica un picco nel VIX, significa che i trader del mercato delle opzioni S&P 500 si aspettano un aumento della volatilità del mercato. Più alto è l’indice VIX, più alta è la paura, il che è considerato un segnale di acquisto.
Naturalmente è vero anche il contrario, più basso è il VIX, più bassa è la paura che indica un mercato più promettente.

Andamento Vix e SP 500

In generale, si ritiene che valori del VIX superiori a 30 segnalino una maggiore volatilità dovuta all’aumento dell’incertezza, del rischio e della paura degli investitori. I valori del VIX inferiori a 20 corrispondono generalmente a periodi più stabili e meno stressanti per i mercati.

Sebbene i livelli del VIX possano essere molto elevati nei periodi di crisi, i livelli estremi sono raramente sostenuti per lunghi periodi di tempo come avvenuto ad esempio con la pandemia del 2020.

Livelli storici del VIX
Ecco una stima approssimativa di cosa ci dicono i livelli del VIX:

  • 0-15: Basso; indica un ottimismo generale.
  • 15-20: Moderato; indica condizioni di mercato normali.
  • 20-25: Medio; suggerisce una crescente preoccupazione per il mercato.
  • 25-30: Alto; indica turbolenza del mercato.
  • 30+: Estremamente alto; indica estrema turbolenza.

È interessante notare che Il prezzo medio del VIX dal 1990 è intorno a 19 e non è mai sceso sotto 8.
Se basiamo le nostre ipotesi sul valore dell’indice VIX sui calcoli della volatilità storica, possiamo supporre che più il VIX sale o scende, più rapidamente tornerà verso la sua media. Possiamo interpretare questo fenomeno comprendendo che il mercato vuole scoprire il prezzo di mercato più efficiente e, se possibile, effettuare transazioni a quel livello.
Il mercato resisterà a movimenti estremi fino a quando non potrà più farlo, il che porterà a un breakout dei prezzi e a un’impennata della volatilità.

Il VIX indica l’aspettativa di volatilità del mercato, piuttosto che i livelli di mercato attuali o storici, per questo motivo, è considerato un indicatore anticipatore del mercato azionario in generale.

Altre misure di volatilità, come l’indicatore ATR o le Bande di Bollinger, si basano sui movimenti passati e sono quindi indicatori ritardatari. Il VIX è molto apprezzato perché indica se la volatilità implicita è destinata a salire nel mese successivo.

Come utilizzare l’indice Vix?

Non è possibile investire direttamente nel VIX come in qualsiasi altro indice di mercato come l’S&P 500, che ha tanti ETF indicizzati che seguono la performance dell’indice.
Tuttavia, è impossibile acquistare un paniere di titoli che segua il VIX. È possibile acquistare contratti futures o exchange-traded funds (ETF) e exchange-traded notes che possiedono questi contratti futures nel tentativo di rispecchiare l’indice. Poiché l’indice di volatilità tende a salire quando l’S&P 500 scende, gli investitori potrebbero farlo se sono ribassisti sul mercato azionario. Oppure possono prendere posizione in un prodotto legato al VIX per diversificare il portafoglio o come strategia di copertura.

Ma i fondi VIX-tracking sono tipicamente utilizzati dai day trader e tendono a essere straordinariamente rischiosi.
Il VIX può aiutare gli investitori a prevedere la performance a breve termine, ma le fluttuazioni non dovrebbero preoccupare gli investitori a lungo termine.

Un errore comune nel leggere il VIX è credere che ci dica se l’S&P 500 viene comprato o venduto, anche se è vero che il VIX e l’S&P 500 hanno di solito una relazione inversa, il VIX è una misura della volatilità stessa e in teoria questi movimenti di prezzo potrebbero andare in entrambe le direzioni.

Un’altra idea sbagliata è che i livelli del VIX abbiano una relazione esatta con la volatilità osservata 30 giorni dopo, mentre in realtà il livello del VIX è spesso leggermente superiore o superiore alla volatilità effettiva. Questo perché quando arriva il momento, il mercato si è solitamente adattato alla volatilità.

Usare il VIX per misurare il sentiment del mercato

Il VIX può essere utilizzato come parte di una strategia di trading, in quanto può fornire indicazioni sulla possibilità che l’S&P 500, e il mercato azionario in generale, si inverta rispetto alla tendenza attuale.

Come già accennato, quando il VIX raggiunge i massimi è spesso considerato un momento per comprare il mercato, mentre quando raggiunge i minimi è considerato un segnale rialzista.
È importante notare che il VIX può rimanere alto o basso per periodi di tempo significativi, quindi i segnali che emette potrebbero non indicare necessariamente un’inversione immediata. Ad esempio, quando la pandemia COVID-19 ha colpito all’inizio del 2020, il VIX è salito oltre quota 80, un livello che non si registrava dall’ultima crisi finanziaria di fine 2008.
Il VIX ha impiegato fino a dicembre 2020 per scendere di nuovo sotto la soglia dei 20 punti.

Spiegazione dettagliata del confronto tra SP 500 e Vix

Lascia un commento

Scroll to Top