Investire sul Litio: Il Futuro Energetico in Azione

Il litio metallo leggero dalle innumerevoli applicazioni, è al centro di crescente interesse degli investitori per il continuo sviluppo del mercato delle batterie e della conservazione dell’energia elettrica.
Negli anni scorsi il suo valore è salito moltissimo per poi crollare di recente, con un andamento molto volatile causato anche dalle politiche pubbliche ad esempio europee, e quindi più interessante per il trading che non per gli investitori prudenti.
Non si può però  investire direttamente nel litio perchè non è negoziato in una Borsa e non esiste un mercato dei futures con accesso agli investitori, come per oro, argento ecc.
Questo articolo esplora le ragioni dietro la scelta di investire nel litio e fornisce una guida su come selezionare azioni minerarie o ETF legati a questo settore in espansione.

Il Litio nel contesto energetico globale

Il litio riveste un ruolo cruciale nella transizione verso un’economia verde, la sua presenza nelle batterie ricaricabili, specialmente nei veicoli elettrici (EV), lo rende un elemento chiave nel futuro dell’energia sostenibile, l’incremento della domanda da parte delle industrie automobilistiche e delle tecnologie energetiche posiziona il litio al centro di un mercato in crescita.

Il litio è un metallo non ferroso noto per la sua elevata conduttività elettrica, reattività chimica e stabilità termica, è un componente chiave delle batterie agli ioni di litio, che alimentano una vasta gamma di dispositivi elettronici, tra cui smartphone, computer portatili, veicoli elettrici e batterie ad accumulo.

La crescente domanda di batterie agli ioni di litio, alimentata dalla transizione verso la mobilità elettrica e l’adozione di tecnologie digitali avanzate, ha fatto esplodere la domanda di litio, rendendolo uno dei metalli più importanti del 21° secolo. In questo contesto, investire nel litio può essere una strategia intelligente per diversificare il proprio portafoglio e beneficiare di questa crescente domanda.

Perché investire nel litio?

La domanda di litio è destinata a crescere notevolmente nei prossimi anni, grazie alla diffusione dei veicoli elettrici e alla necessità di immagazzinare energia da fonti rinnovabili.

Fattori che supportano la domanda di litio

  • Crescita dei veicoli elettrici: secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE), il numero di veicoli elettrici in circolazione nel mondo raggiungerà i 140 milioni entro il 2030, rispetto ai 7 milioni del 2019.
  • Necessità di immagazzinare energia da fonti rinnovabili: le batterie al litio sono utilizzate anche per immagazzinare energia da fonti rinnovabili, come il solare e l’eolico.
  • Esplosione della domanda: secondo il rapporto di BloombergNEF, la domanda di litio per le batterie dovrebbe raggiungere i 1,6 milioni di tonnellate entro il 2030, rispetto alle 325.000 tonnellate del 2020.
  • Scarsezza del litio: il litio non è abbondante nella crosta terrestre e la sua estrazione richiede tempo e investimenti significativi, e la sua produzione è concentrata in pochi paesi: Cile, Australia, Argentina e Cina.

Rischi associati all’investimento sul litio

  • Volatilità dei prezzi: i prezzi del litio sono stati piuttosto volatili negli ultimi anni, e ciò può avere un impatto significativo sul rendimento degli investimenti.
  • Rischi di approvvigionamento: il litio è un metallo raro e la sua produzione è concentrata in pochi paesi. Ciò comporta rischi di interruzione dell’approvvigionamento e di aumento dei prezzi.
  • Rischi politici: il litio è estratto in paesi con un certo grado di instabilità politica, come il Cile e la Bolivia. Ciò comporta rischi di interruzione dell’approvvigionamento e di aumento dei prezzi.
  • Rischi ambientali: l’estrazione del litio può avere un impatto significativo sull’ambiente, tra cui la contaminazione dell’acqua e la perdita di habitat naturali. Ciò può comportare rischi di reputazione per le società produttrici di litio e di regolamentazione da parte dei governi.
  • Aumento del riciclo del minerale dalle batterie esauste

Vantaggi degli ETF sul litio

L’investimento in ETF replica l’andamento del prezzo del litio o di un indice di aziende minerarie, o ancora legati al mondo della produzione delle batterie in modo passivo e con bassi costi di gestione rispetto ai classici fondi.

Vantaggi degli ETF sul litio

  • Diversificazione: gli ETF offrono una maggiore diversificazione rispetto all’investimento in singole azioni minerarie, riducendo il rischio legato alla performance di un’unica azienda.
  • Liquidità: gli ETF sono scambiati in borsa come azioni, offrendo una maggiore liquidità rispetto all’investimento diretto in azioni minerarie.
  • Basso costo: gli ETF hanno spese di gestione più basse rispetto ai fondi comuni di investimento tradizionali.
  • Minori rischi associati a singole aziende.

Principali ETF sul litio

1) L’ETF L&G Battery Value-Chain (IE00BF0M2Z96) replica l’indice di Solactive Global Battery Value-Chain, che include aziende attive nella produzione di batterie, materie prime, componenti e tecnologie correlate.
Lanciato nel 2018 ha una dimensione del fondo di oltre 1 miliardo di euro, un costo di gestione dello 0,49% annuo e offre una esposizione agli investimenti in aziende attive lungo tutta la catena del valore delle batterie, dallo sviluppo della tecnologia alla produzione, distribuzione e riciclaggio.

Composizione. L’indice include circa 150 aziende attive lungo tutta la catena del valore delle batterie, la composizione dell’indice è rivista trimestralmente e le aziende sono selezionate in base a criteri di capitalizzazione di mercato, liquidità e settore

  • Materiali: 36,5%
  • Tecnologia dell’informazione: 21,9%
  • Industriali: 15,2%
  • Consumo ciclico: 14,5%
  • Utility: 8,9%
  • Altro: 3%

Tra i principali titoli detenuti dall’ETF troviamo Tesla, Contemporary Amperex Technology, Panasonic e BYD.

2) L’ETF WisdomTree Battery Solutions (IE00BKLF1R75) replica l’indice di WisdomTree Battery Solutions, che include aziende attive nella produzione di batterie, materiali, componenti e tecnologie.
Lanciato nel 2020 ha una dimensione del fondo di oltre 400 milioni di euro nel 2023, e comprende oltre 50 aziende attive nella produzione di batterie, materiali, componenti e tecnologie correlate, con un focus particolare sulla catena del valore delle batterie agli ioni di litio.
La quota di gestione annuale è dello 0,40% e replica l’indice di riferimento tramite swap finanziari.

Composizione settoriale dell’ETF WisdomTree Battery Solutions

  • Materiali: 38,6%
  • Tecnologia dell’informazione: 22,7%
  • Industriali: 20,8%
  • Consumo ciclico: 16,3%
  • Utility: 1,6%

Tra i principali titoli detenuti dall’ETF ci sono Tesla, Contemporary Amperex Technology, Panasonic e LG Chem.

Altri ETF popolari sul litio sono:

  • Global X Lithium & Battery Tech ETF (LIT): replica l’indice Solactive Global Lithium Index, che include aziende attive nella produzione di litio e nella tecnologia delle batterie.
  • Amplify Lithium & Battery Technology ETF (BATT): replica l’indice EQM Lithium & Battery Technology Index, che è simile al precedente.
  • VanEck Vectors Rare Earth/Strategic Metals ETF (REMX): qui l’indice è il MVIS Global Rare Earth/Strategic Metals Index, che include aziende attive nella produzione di metalli rari e strategici, tra cui il litio.

Aziende Minerarie sul litio

Investire in azioni minerarie di litio è un modo per ottenere un’esposizione diretta (e quindi più rischiosa) a questo metallo, ma è importante selezionare con cura le aziende minerarie in cui investire, tenendo conto di diversi fattori.

Fattori da considerare nella selezione delle azioni minerarie di litio

  • Qualità delle riserve: è importante scegliere aziende minerarie che abbiano accesso a riserve di litio di alta qualità, con elevate concentrazioni di metallo.
  • Costi di produzione: aziende costi di produzione bassi sono in grado di generare margini più elevati, anche in caso di ribassi dei prezzi del litio.
  • Diversificazione: è consigliabile selezionare aziende minerarie che non siano troppo dipendenti dal litio, ma che abbiano anche esposizione ad altri metalli e minerali.
  • Finanziamenti: verificare la solidità finanziaria dell’azienda mineraria, valutando il livello di indebitamento e la capacità di generare flussi di cassa positivi.

Principali aziende minerarie di litio

  • Albemarle Corporation (ALB): è la più grande produttrice mondiale di litio, con miniere in Cile, Australia e Stati Uniti.
  • Sociedad Química y Minera de Chile (SQM): è la seconda maggiore produttrice mondiale di litio, con miniere in Cile e minerali di litio in Argentina.
  • Lithium Americas Corp. (LAC): è una società canadese che sviluppa progetti minerari di litio in Cile, Argentina e Stati Uniti.
  • Ganfeng Lithium Co (002460.SZ): è la più grande produttrice cinese di litio, con miniere in Cile e Australia.
  • Potenziale di crescita accelerata.
  • Controllo diretto sulla gestione dell’azienda mineraria.

Conclusione

Investire nel litio attraverso l’acquisto di azioni minerarie e ETF può offrire interessanti opportunità di rendimento, grazie alla crescente domanda di questo metallo.
Tuttavia è importante selezionare con cura le aziende minerarie e gli ETF in cui investire, tenendo conto di diversi fattori. Inoltre, il litio può offrire una diversificazione rispetto ad altri asset, e può rappresentare in parte una valida alternativa ai metalli preziosi e alle azioni nella propria strategia di investimento ma occorre selezionarlo con attenzione a causa dell’elevata volatilità.

Lascia un commento

Scroll to Top